Tu sei qui: Home Materiali Tutti i Materiali Cosa c'è nella foto? Articoli determinativi / indeterminativi

Cosa c'è nella foto? Articoli determinativi / indeterminativi

Un breve esercizio per presentare una differenza tra articolo determinativo e indeterminativo, attraverso la descrizione di un'immagine. Anche per praticare l'uso di c'è / ci sono.

 

Per presentare una delle differenze tra articolo indeterminativo e determinativo, a volte ho usato questo esercizio abbinato alla foto Tutti a tavola! tratta da Foto parlanti, pag. 13, di Bonacci (disponibile come assaggio gratuito).

E' solo uno spunto e si può adattare a molte altre immagini. Comunque, ecco cosa potete praticare con questo esercizio:

  • la funzione descrivere una foto / scena / situazione
  • l'uso di c'è / ci sono
  • una delle differenze d'uso degli articoli determinativi e indeterminativi. Nella fattispecie:
  • introdurre nuove informazioni, nuovi personaggi => Nella foto ci sono un cane e un gatto.

    nominare personaggi già conosciuti => Il cane si chiama Dodo e il gatto si chiama Ercole.


    Si tratta di un breve testo, ultra facile e creato ad hoc, da completare con gli articoli. Il testo descrive appunto la foto Tutti a tavola! e quindi è perfettamente contestualizzato.

    Ad esempio, si può usare così:

    1. si mette alla lavagna il testo "Cosa c'è nella fotografia?" senza gli articoli (magari facendo un dettato collettivo o simili)
    2. quando il testo è alla lavagna, gli studenti guardano la foto e rapidamente danno un nome ai personaggi in base alle info nel testo
    3. insieme si lavora sul completamento con gli articoli. Volendo, si possono dare le opzioni e gli studenti dovranno solo sistemarle al posto giusto. Io preferisco lasciarli liberi di fare ipotesi e provare le varie combinazioni. L'importante è dare spazio alle proposte di tutti e guidare la classe fino a capire il senso della regola. In molti casi ho notato che c'era la tendenza a invertire l'uso (cioè venivano proposti gli articoli determinativi per presentare nuove informazioni e viceversa). Poco male, l'importante è che gli studenti compiano una discriminazione tra le due funzioni.
    4. quando si è tutti più o meno d'accordo si può distribuire a ciascuno una fotocopia con il testo, in modo che ognuno abbia la propria copia del lavoro fatto in classe. Si può anche continuare con la descrizione della foto e provare magari ad applicare la nuova regola.
    5. se volete finire con un po' di sprint, potete giocare a "chi dice l'ultima". Dividi in squadre di due/tre. A turno, il segretario di ogni squadra ha 7 secondi per dire una frase (corretta) che descrive la foto. Vince la squadra che dice l'ultima frase.

     

    Come vedete non è niente di che. Ma spesso ho trovato questo esercizio utile, soprattutto per soddisfare la curiosità di quegli studenti ancora "principianti" che però vogliono capire meglio cosa farsene di tutti questi articoli (e sono abbastanza in gamba da poter effettivamente affrontare l'argomento) Una volta vista questa interessante e lodevolissima funzione, se ne stanno quieti per un po' :)

    Aggiungo che mi è capitato di usare la stessa tecnica con studenti di livello più alto - adattando il testo. A volte gli articoli restano un mistero, soprattutto per chi è di madrelingua "non articolata". Quindi può far comodo un esercizio semplice come questo.

    Qui puoi scaricare il testo da proporre in classe:
    E la relativa foto (Tutti a tavola!):

    Assaggio. Foto parlanti.pdf

     

     

     

    Commenti (0)

    Per aggiungere commenti devi farti riconoscere
    AVVISO: Stranità si rinnova

    I lavori di rinnovo del sito procedono bene! Per tenerti aggiornato leggi il messaggio

    naviga in MATERIALI