Tu sei qui: Home Materiali Tutti i Materiali Tecnica drilling a triangolo, per studenti individuali

Tecnica drilling a triangolo, per studenti individuali

Tecnica per ripetere forme, vocabolario, mini-dialoghi in una lezione faccia a faccia.

 

Questa tecnica è tratta da Peter Wilberg, One to one. A teacher’s handbook, Language Teaching Pubblications, 1987.

 

Ripetere è importante: lo studente sente di produrre lingua “corretta”, di “imparare” effettivamente qualcosa, e intanto memorizza.

In una lezione individuale, ripetere forme o piccoli dialoghi  può risultare un po’ monotono e poco stimolante (per entrambi...).

Ecco perché consiglio di provare questa tecnica a triangolo, soprattutto ai livelli più bassi.

Può sembrare difficile ad una prima occhiata, ma non lo è assolutamente! E in molte mie lezioni ha risolto parecchi problemi.

Provala e dimmi cosa ne pensi!

Tecnica drilling a triangolo.pdf

 


Commenti (6)

Per aggiungere commenti devi farti riconoscere
Maria Rugo 26/08/2011 08:59
Moryama, questa tecnica è fantastica!! Sei un genio!
moryama 26/08/2011 12:21
Ahah, ma mica l'ho inventata io :) Comunque sì, a parlarne sembra una sciocchezza: in fondo è solo un passo in più rispetto al ping pong "studente-insegnante". Ma in realtà è una piccola rivoluzione.
Lillina 10/01/2013 11:34
Salve! Prima di tutto complimenti per il sito, al quale mi riprometto di contribuire il piu' possibile. Sono assolutamente d'accordo sull'utilità di questa tecnica, che, come ha ben detto moryama, nella sua semplicità è rivoluzionaria. In un certo senso è una di quelle tecniche a cui arriviamo per istinto, quando siamo alla ricerca di tecniche, appunto, che rendano piu' vivace quella che altimenti sarebbe una ripetizione a pappagallo, piuttosto noiosa e poco motivante. Senza dubbio utilissima nel caso dell'insegnamento individuale per evidenti motivi anche di natura psicologica, l'ho trovata utilissima anche nel lavoro a coppie in classi piu' o meno numerose. Nel caso di classi di adolescenti, poi, ho notato, è proprio cosi', una piccola rivoluzione nell'atmosfera e nell'atteggiamento della classe verso l'apprendimento di aspetti della lingua generalmente considerati noiosi e ansiogeni. Alla prossima!
Lillina 10/01/2013 11:36
Scusate, mi rendo conto ora che i precedenti commenti risalgono al 2011. Mi sono appena iscritta al sito ed è per questo che "mi sveglio" solo ora!
moryama 10/01/2013 14:16
Ciao Lillina, tranquilla, le conversazioni via commento si possono riprendere anche a distanza di anni: quello che scriviamo oggi torna utile a chi passa di qui domani, no? :)
Insomma, vedo che non sono l'unica entusiasta di questa tecnica, e sì, sono d'accordo: è una di quelle cose a cui si può arrivare naturalmente per istinto, attraverso l'esperienza lezione dopo lezione, e per me questa è una sorta di "garanzia" che la tecnica funziona.
Sono molto contenta che tu voglia partecipare a Stranità con qualche idea e attività da pubblicare - come ho letto in qualche altro tuo messaggio: sei super benvenuta!
OSCAR 09/06/2016 11:24
Tecnica applicata utilmente! Ho provato anche ad applicarla al contrario, cioe' partendo dal basso verso l'alto.....lui e' tu sei io sono....ed ho notato che serve forse ancor di piu' cosi'!
Grazie Moryama!
AVVISO: Stranità si rinnova

I lavori di rinnovo del sito procedono bene! Per tenerti aggiornato leggi il messaggio

naviga in MATERIALI