Tu sei qui: Home Recensioni Tutte le Recensioni Alma / Ci vuole orecchio! 1

Alma / Ci vuole orecchio! 1

Il primo volumetto di ascolti con attività della Alma, livello A1/A2.

civuoleorecchio1.jpg

13/02/2011

editore
Alma
titolo
Ci vuole orecchio! 1 - livello A1/A2
abilità principali
ascolto
una o due attività che funzionano molto bene
a) La n°2 "Ho cinque anni", livello A1. Ascoltare un bambino che parla italiano diverte e rilassa tutti. L'unità è incentrata sul lessico "in classe" (quaderno, sedia, penna, studiare, piace, non piace...) in parte già conosciuto dagli studenti e utile per la comunicazione. L'esercizio "ascolta e sottolinea l'opzione corretta" è molto calibrato. C'è un esercizio sugli interrogativi molto buono per il livello. La parte sulla descrizione di una persona (fisico, carattere, vestiti) è utile, anche se magari non adatta a tutti gli A1.
b) Il libro presenta in molte unità esercizi di trascrizione (di 2/3 frasi): i miei studenti li adorano!
una o due attività che non funzionano
a) Ho trovato l'attività 1 - in teoria quella di livello più basso - non così facile, almeno per la media dei miei studenti A1.
b) Non ho mai provato l'attività 7 "Un negozio speciale" (A1-A2) perché la trovo un po' strana. L'idea in sé è interessante: lo studente deve capire di che oggetto si parla senza mai sentirlo nominare. Ma ho paura che, per il modo in cui è realizzata, confonderebbe molto. Gran parte della comprensione ruota attorno a nomi di materiali (ferro argento nichel ...) e alcune parole un po' complicate (lastre di vetro, tagliato, base arrotondata ...).  Dovrei provarla.
quante attività hai provato direttamente in classe?
Ne ho provate 9 su 12.
livelli delle attività
principianti assoluti: niente, A1: poco, A2: molto, B1: poco
le istruzioni sono adeguate al livello?
In generale sì, con qualche eccezione nelle prime attività destinate a livelli più bassi: lì è comunque consigliabile l'intervento dell'insegnante per chiarire le istruzioni.
madrelingua / età dei tuoi studenti
russo / 17-35 anni
un ultimo commento? i punti forti e i punti deboli del libro?
In generale, il libro mi piace molto: non devo mai adattare le attività, sono già pronte. I materiali sono sempre interessanti e gli studenti gradiscono.
Però, con chi parte da zero, posso usare il libro solo dopo 30 ore circa di lezione: con l'attività n°2. Per le altre attività devo aspettare un pochino di più.
Credevo di trovare qualcosa di stimolante adatto a dei principianti. Ascoltare in abbondanza è fondamentale quando si affronta una nuova lingua. Ma bisogna scegliere con cura. Spero che un giorno la casa editrice prenderà in considerazione la cosa... Ci vuole orecchio! Zero :)
questo libro è
comprato da me
il tuo nome / nick name
moryama
archiviato sotto: ,

Commenti (6)

Per aggiungere commenti devi farti riconoscere
Adelchi 05/03/2011 02:14
confermo tutto quello che hai scritto. Si tratta di un ottimo testo del quale ogni insegnante serio di italiano l2/ls si dovrebbe dotare. Gli ascolti sono di altissima qualità e probabilmente quanto di più autentico e prossimo al parlato naturale si trovi attualmente sul mercato per tale livello di competenza. Le attività sono strutturate con rigore e professionalità, tanto da poter essere eseguite senza problemi anche in autoapprendimento. Aggiungo inoltre che per l'unità 1 gli studenti non hanno grossi problemi a comprendere la prima parte della conversazione, i guai vengono con la seconda... ma credo si possano risolvere con una serie di ascolti analitici durante le lezioni successive sotto forma di dettato continuo (in loop) di frammenti del dialogo, per il quale agli studenti è fatta richiesta di trascrivere quanto riescono a cogliere tra gli elementi lessicali e le forme morfosintattiche presenti nel parlato. Al termine di ogni serie di ascoti gli studenti si confronteranno a coppie per colmare l'eventuale vuoto informativo e infine la soluzione si troverà in plenum insieme sll'insegnsnte. (Oppure, meglio ancora, si omette direttamente la seconda parte:).
 
Per chi non lo avesse ancora fatto, ne consiglio vivamente l'acquisto.
(Non sono parente delle autrici sebbene le conosca personalmente entrambe:))
moryama 05/03/2011 07:51
Hai provato la numero 7 "Un negozio speciale"? Possibile che la prima volta che l'ho ascoltato provando gli esercizi ho avuto l'impressione di non capirci un cispolo?
Adelchi 05/03/2011 15:21
Non ho ancora proposto l'unità 7, al momento non ho il libro sottomano e non saprei darti un giudizio sulle attività. Ho però ascoltato il testo e mi pare si tratti di una compravendita di monili, bracciali o roba del genere presso una artigiana...
ti farò sapere.
writerlaury 12/01/2018 12:31
Ciao,
non so se segui ancora questo forum, ma mi piacerebbe ricevere un consiglio.
Insegno a due ingegneri di circa 50 anni entrambe russe con una scarsa conoscenza dell'inglese come altra lingua straniera. Prima di me hanno avuto un'insegnante che per dei mesi le ha invitate a studiare tonnellate di grammatica e liste di verbi. Inutile dire che non si ricordano assolutamente nulla.
Sono arrivata da loro a inizio agosto e praticamente non riuscivano a parlare. Da allora abbiamo fatto molte conversazioni e ascolti di video e di dialoghi.
Devo dire che sono un po' migliorate, ma non hanno ancora raggiunto dei risultati soddisfacenti.
Dopo 4 mesi di lezioni (3 ore alla settimana) ho provato a sottoporle agli audio A2 di questo libro e senza le fotocopie (mera comprensione dei punti principali) capivano un buon 50 percento delle informazioni dopo un primo ascolto. Mi stavo quasi rallegrando, ma quando torniamo dopo una settimana di vacanze e proviamo a fare il testo 3, "in banca" e dopo 2 -3 ascolti non capiscono nemmeno un venti percento di quello сhe viene detto.
Se però blocco l'audio ogni 5 secondi e traduciamo frase per frase, noto che capiscono di più e sanno anche tradurre. Non so cosa fare...abbiamo fatto 40 ore di lezione e loro vogliono propormi il metodo di studio delle lingue sovietico, ossia fare solo traduzioni dal russo e parlare. Una mia collega mi ha detto che il livello è troppo basso per tradurre dal russo ed è quello che penso anche io, soprattutto perché noto che traducono parola per parola e spesso durante la spiegazione non si sforzano nemmeno di capire se non hanno subito la traduzione.
A te è mai capitata una cosa simile?Cosa mi consigli di fare?
Ti ringrazio in anticipo
writerlaury 12/01/2018 12:35
un insegnante
writerlaury 12/01/2018 12:31
Ciao,
non so se segui ancora questo forum, ma mi piacerebbe ricevere un consiglio.
Insegno a due ingegneri di circa 50 anni entrambe russe con una scarsa conoscenza dell'inglese come altra lingua straniera. Prima di me hanno avuto un'insegnante che per dei mesi le ha invitate a studiare tonnellate di grammatica e liste di verbi. Inutile dire che non si ricordano assolutamente nulla.
Sono arrivata da loro a inizio agosto e praticamente non riuscivano a parlare. Da allora abbiamo fatto molte conversazioni e ascolti di video e di dialoghi.
Devo dire che sono un po' migliorate, ma non hanno ancora raggiunto dei risultati soddisfacenti.
Dopo 4 mesi di lezioni (3 ore alla settimana) ho provato a sottoporle agli audio A2 di questo libro e senza le fotocopie (mera comprensione dei punti principali) capivano un buon 50 percento delle informazioni dopo un primo ascolto. Mi stavo quasi rallegrando, ma quando torniamo dopo una settimana di vacanze e proviamo a fare il testo 3, "in banca" e dopo 2 -3 ascolti non capiscono nemmeno un venti percento di quello сhe viene detto.
Se però blocco l'audio ogni 5 secondi e traduciamo frase per frase, noto che capiscono di più e sanno anche tradurre. Non so cosa fare...abbiamo fatto 40 ore di lezione e loro vogliono propormi il metodo di studio delle lingue sovietico, ossia fare solo traduzioni dal russo e parlare. Una mia collega mi ha detto che il livello è troppo basso per tradurre dal russo ed è quello che penso anche io, soprattutto perché noto che traducono parola per parola e spesso durante la spiegazione non si sforzano nemmeno di capire se non hanno subito la traduzione.
A te è mai capitata una cosa simile?Cosa mi consigli di fare?
Ti ringrazio in anticipo